The Wicked Gift - poster

Siamo lieti di annunciarvi il ritorno dell’horror italiano in un film diretto da Roberto D’AntonaThe Wicked Gift,  produzione indipendente, che guarda anche alla distribuzione mainstream e che trae ispirazione dai classici moderni del cinema di paura, da Evil Dead a Insidious.

 

 

 

 

Comunicato stampa

 

Il film di Roberto D’Antona arriva al cinema il 6 dicembre. Online il nuovo trailer ufficiale.

Annunciata all’Italian Horror Show di Latina la data di uscita del “The Wicked Gift”, l’horror/thriller psicologico del giovane regista italiano Roberto D’Antona che arriverà in sala il 6 dicembre. Durante l’evento – dove anche l’attrice e co-produttore Annamaria Lorusso e l’attore Michael Segal erano presenti – il nuovo trailer è stato mostrato al pubblico. Il trailer è visibile nella pagina ufficiale di Facebook, sul sito ufficiale e sul canale YouTube.
Dopo il successo internazionale televisivo di “The Reaping” – acquistabile on-line su Dvd e BluRay – che ha ricevuto numerose recensioni positive dalla critica e ha ottenuto vittorie a vari festival in tutto il mondo, D’Antona arriva al cinema con un progetto ambizioso, prodotto e distribuito da Movie Planet Group.
The Wicked Gift si presta bene ad una distribuzione mainstream, grazie alla sua fotografia e alla sua regia che guarda alle tendenze internazionali, molto diversa dai tipici film horror italiani.

Sinossi
Ethan è un giovane designer, timido e piuttosto riservato che da anni è afflitto da insonnia a causa di terribili incubi. Decide di andare in terapia per risolvere il suo problema pensando di avere disturbi della personalità, ma sarà grazie all’aiuto del suo migliore amico e di una Medium che affronterà il lungo viaggio che lo condurrà alla consapevolezza che i suoi incubi nascondono qualcosa di molto più oscuro di quanto potesse immaginare…

Cast
Oltre ai quattro interpreti principali, Roberto D’Antona, Annamaria Lorusso, Francesco Emulo e Kateryna Korchynska, troviamo nel cast, proveniente da tutti i circuiti internazionali indie, anche Alice Viganò, David White, Mirko D’Antona, Andrea Milan e Michael Segal.

Cast tecnico
Sceneggiatore / regista: Roberto D’Antona
Produttori: Alessandro Rossi, Annamaria Lorusso, Roberto D’Antona
Produttori esecutivi: Annamaria Lorusso, Roberto D’Antona, Stefano Pollastro, Paola Laneve, Francesco Emulo
Produttori co-esecutivi: Maria Giase, Domenico Uncino, Aurora Rochez, Alex D’Antona, Erica Verzotti
Fotografia: Stefano Pollastro
Direttore di produzione: Francesca Sacchetti
Progettazione di produzione: Cristina Francese, Giacomo Carri, Danila Leoni
Musica: Aurora Rochez
Effetti visivi: Francesco Longo
Trucco e effetti speciali: Paola Laneve

 

The Wicked Gift

 

Note del regista

Due cose mi hanno sempre spaventato: incubi e fantasmi.
Così ho sempre promesso a me stesso che il mio primo film sarebbe stato su questi temi.
Ci sono così tanti film horror su fantasmi, premonizioni e incubi e oggi è veramente difficile creare qualcosa di originale al 100%, quindi quando io e Annamaria Lorusso pensavamo alla trama di questo film, abbiamo deciso di non creare una pura storia horror, ma una thriller psicologico miscelato ad altri generi cinematografici.
Prima di scrivere la sceneggiatura, ero consapevole che questo tipo di film avrebbe dovuto essere spaventoso e terrificante, quindi ho guardato alcuni film per studiare, analizzare e concentrarmi su ciò che avrebbe potuto renderlo molto inquietante.
Ho visto molti fantastici film classici come Evil Dead e Dracula di Bram Stoker e altri film più recenti come The Conjuring, Insidious e The Witch per mettere nel mio film e mostrare al pubblico i miei peggiori timori e fobie come perdere i denti, morire in sogno, la paura di stare da solo in casa di notte, sperando che nulla di soprannaturale si nasconda dietro di me e, soprattutto, la paura che i miei incubi diventino realtà quando mi sveglio.
Pertanto, posso dire veramente che le scene spaventose del film si riferiscono a qualcosa che mi è veramente accaduto o che potrebbe spaventarmi a morte.
Per quanto riguarda il cast, ho scelto alcuni grandi talenti capaci di trasmettere facilmente il senso della paura, dell’amicizia, della consapevolezza e, soprattutto, di confortare non solo il protagonista Ethan ma anche il pubblico.
Non volevo un cast che avesse una perfetta dizione o con un curriculum impressionante, ma volevo che tutto il cast fosse in grado di agire naturalmente e di trasmettere al pubblico le emozioni dei loro personaggi.
Nella colonna sonora che ho stabilito con il compositore Aurora Rochez, si può trovare dal violino che emette un suono che trasmette sensazione disagio al pubblico, alla musica di pianoforte e ad alcuni cori che suscitano terrore e paura. Le straordinarie colonne sonore di The Witch, Insidious e Il Sesto Senso ci hanno veramente ispirato.
Invece, durante le scene più tranquille e pacifiche, abbiamo voluto utilizzare il nostro bel sound degli anni ’80 per rilassare il pubblico.
Penso che Rochez abbia fatto un ottimo lavoro perché è stata in grado di creare e mescolare le sensazioni di disagio, dramma e malinconia che volevo in questo film.
Quando ero un bambino, ho avuto la mia prima esperienza horror guardando IT, la miniserie Tv , che mi ha davvero terrorizzato.
Quando sono cresciuto, ho molto amato e apprezzato i film horror (e altro ancora) di Sam Raimi, John Carpenter e dei film orientali di fantasmi. Vorrei che il pubblico guardasse il mio film come una storia intrigante e inquietante, che ho realizzato alla vecchia maniera, senza effetti digitali nelle scene spaventose, ma con fantasmi interpretati da attori in situazioni realistiche. Significa molto per me sapere che i fan dei film horror potrebbero apprezzare e vedere questo film come una nuova era dei film horror italiani; spero
si possa vedere l’amore e la passione di tutta la troupe nella realizzazione di questo film.


 

Trailer