Cold Skin

Cold Skin

Il folle universo scaturito dalla penna di H. P. Lovecraft continua a ispirare il cinema weird-horror, anche quando si tratta di film non direttamente ispirati alla sua opera, come il recente The Void. Anzi, le pellicole che continuano a rifarsi allo spirito, all’atmosfera e ai contenuti presenti nelle storie fantastiche del grande scrittore americano costituiscono sempre una gradita (e spaventosa) presenza nel panorama non troppo innovativo dell’attuale cinema dell’orrore. La lista di film presentati di seguito (corredati di trailer) può essere considerata un aggiornamento di quella comparsa nell’articolo 12 film lovecraftiani da scoprire tra weird e mistery.
Per la maggior parte non si tratta di trasposizioni dirette di racconti di Lovecraft ma comunque non mancheranno quelle tematiche tipiche dello scrittore di Providence come mutazioni mostruose del corpo umano, creature degli abissi marini, follia, riti e culti ancestrali, degenerazioni familiari, cadaveri rianimati, visioni oniriche…

 

 

Housewife

 

Housewife (2017), secondo lungometraggio del regista turco Can Evrenol (noto per il sorprendente Baskin – La porta dell’inferno, 2015) è un’opera apertamente citazionista, non solo nei confronti dei grandi registi del cinema horror (Bava, Fulci, Argento, Polanski, Cronenberg, etc…) ma anche nei confronti di H. P. Lovecraft e del suo immaginario weird: sacrifici rituali, gravidanze aberranti, sétte iniziatiche, incubi, follia e per finire mostruose divinità tentacolari sono gli ingredienti di questo film estremo, ricco di visioni scioccanti e gore. Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale a L’Etrange Festival in Francia e al Melbourne’s Monster Fest 2017 (premio “Best Director”), Housewife è stato distribuito in DVD e VOD dal 2018.

Perseguitata da un terribile trauma infantile per vent’anni, Holly deve lottare con incubi vividi e inquietanti che la lasciano apatica e incapace di vivere una vita normale. Poi un vecchio amico consiglia a Holly di incontrare il carismatico leader di una setta, Bruce O’Hara, e lei si ritrova invischiata in un contorto viaggio onirico fatto di sogni ad occhi aperti dove realtà e fantasia diventeranno indistinguibili. Una rivelazione sulla famiglia di Holly porterà a un destino terrificante…


 

In The Earth

 

Presentato al Sundance Film Festival 2021, In The Earth è un horror di ambientazione rurale che trasuda atmosfere mistery e weird sin dal trailer. Divinità pre-cristiane, megaliti minacciosi, una foresta inglese collegata da strane forme di vita fungine, esploratori dediti a misteriose ricerche e una pandemia (peggio del Covid) sullo sfondo, sono gli ingredienti di questo suggestivo film scritto e diretto da Ben Wheatley, regista inglese che ricordiamo soprattutto per il thriller Kill List dalle tematiche fortemente weird. Del cast fanno parte Joel Fry, Reece Shearsmith, Hayley Squires, Ellora Torchia. Reece Shearsmith è un apprezzato comico, scrittore e produttore televisivo nel Regno Unito.

Mentre il mondo è alla ricerca di una cura per un virus disastroso, uno scienziato e una guardia forestale si avventurano nelle profondità della foresta attrezzati per un escursione di routine. Durante la notte, il loro viaggio diventa un viaggio terrificante attraverso il cuore dell’oscurità, con la foresta che prende vita intorno a loro…


 

H.P. Lovecraft’s The Deep Ones

 

Negli ultimi tempi stanno aumentando le produzioni horror (rigorosamente low-budget) ispirate all’opera di H.P. Lovecraft. E’ il caso anche di H.P. Lovecraft’s The Deep Ones, film che fin dal titolo rimanda agli “Abitatori del profondo“, le famigerate creature degli abissi marini scaturite dalla fantasia dello scrittore statunitense, per la prima volta apparse nel celebre racconto La maschera di Innsmouth (1931). Il film, scritto e diretto da Chad Ferrin, sembra promettere sin dal trailer culti arcaici, abominevoli creature oceaniche e gravidanze mostruose. H.P. Lovecraft’s The Deep Ones verrà distribuito direttamente in streaming HD e DVD dal 15 giugno negli USA.

Dopo aver subito la perdita di un figlio, Alex e suo marito Petri decidono di prendersi una vacanza da tempo necessaria. Una volta arrivati nella città balneare di Oxnard, rimangono estasiati da uno splendido bed & breakfast sulla spiaggia dove vengono accolti dall’affascinante, anche se enigmatico, Russell Marsh. Quella che inizia come una vacanza seducente che li allontana dai loro problemi si trasforma presto in una serie di eventi bizzarri, quando la strana gente del posto inizia a mostrare i loro inquietanti propositi. Mentre Alex si sforza di mantenere il controllo sulla sua sanità mentale, Petri si ritrova sempre più attratto dal misterioso Mr. Marsh e dalla sua compagnia di adepti poco vestiti. Un male arcaico è stato evocato dalle coste di questa tranquilla comunità di pescatori di granchi, che ha dei progetti su Alex. Mentre viene risucchiata in un vortice di omicidi, controllo mentale e orrore materno, Alex dovrà affrontare l’abisso a testa alta o perdere tutto ciò che le è caro…


 

The Beach House

 

Per l’anniversario della morte di H.P. Lovecraft (15 marzo 1937) vi presentiamo l’horror The Beach House dello scrittore e regista (qui al debutto) Jeffrey A. Brown che ha riscosso il favore di pubblico e critica presso vari festival specializzati. La storia di ambientazione ‘marina’ (vagamente simile al racconto breve L’orrore di Martin’s Beach del 1922, scritto da Lovecraft insieme alla futura moglie Sonia Greene) con tanto di mostruosità acquatiche e mutazioni parassitarie non può che richiamare gli incubi dello scrittore di Providence, con l’aggiunta di body-horror odierno e psico-thriller paranoico. Nel cast troviamo Liana Liberato, Noah Le Gros, Jake Weber e Maryann Nagel. Il film è uscito sulla piattaforma Shudder, dedicata all’horror e al soprannaturale, servizio di streaming di AMC Networks.

Emily e Randall si rifugiano nella casa sulla spiaggia di una famiglia per riaccendere la loro relazione in crisi, ma il loro viaggio fuori stagione viene interrotto da Mitch e Jane Turner, una strana coppia di anziani che risiede già lì e conosce il padre di Randall. Legami inaspettati si formano quando le due coppie si lasciano andare e si godono l’isolamento, ma tutto prende una svolta minacciosa mentre fenomeni ambientali sempre più strani iniziano a mutare la loro serata pacifica. Quando gli effetti di un’infezione parassitaria venuta dal mare diventano evidenti, Emily fatica a dare un senso al contagio prima che sia troppo tardi…


 

Sacrifice

 

Per la gioia dei fan di Lovecraft, il 2021 si apre con un film inconfondibilmente lovecraftiano, Sacrifice diretto da Andy Collier e Toor Mia, che ci introdurrà in un misterioso culto che adora un’ancestrale creatura marina conosciuta come “Il Dormiente”. Tra i protagonisti troviamo la veterana dell’horror (lovecraftiano) Barbara Crampton (Re-Animator, From Beyond – Terrore dall’ignoto, Castle Freak). I due registi si sono distinti in precedenza per aver diretto Charismata (2017), una detective story horror ambientata a Londra.
Sacrifice debutterà a febbraio negli USA, prima in sala, poi nel circuito on demand e in Dvd/Blu-ray. Aspettiamo fiduciosi una distribuzione italiana.

Dopo la morte di sua madre, Isaac e sua moglie incinta tornano nella sua città natale su una remota isola norvegese per rivendicare un’eredità inaspettata. Durante la loro visita, la coppia scopre oscuri segreti del passato di Isaac. Il loro piacevole viaggio si trasforma rapidamente in un incubo quando Isaac e sua moglie incontrano un sinistro culto che adora una divinità marina…


 

Synchronic

 

Gli acclamati e talentuosi registi Justin Benson e Aaron Moorhead (Spring, Endless), tornano alla carica con un altro film sci-fi horror ricco di mistero, Synchronic (2020), definito da qualche critico “un incubo lovecraftiano“. La storia è incentrata su due paramedici di New Orleans, interpretati da Anthony Mackie (Altered Carbon 2) e Jamie Dornan, che rimangono coinvolti in una serie di morti misteriose, forse collegate a una nuova droga sintetica dai pericolosi effetti collaterali psichedelico-soprannaturali. L’uscita del film negli USA, è prevista per il 23 ottobre 2020.

Due amici paramedici di New Orleans, nel corso del loro lavoro si trovano coinvolti in una serie di morti misteriose, che sembrano causate da una pericolosa nuova droga sintetica. Ma gli effetti imprevisti di questa sostanza metteranno in discussione la stessa realtà e lo scorrere del tempo quando uno dei paramedici decide di provarla su di sé…


 

Intersect

 

Intersect è un film fanta-horror americano del 2020 apertamente lovecraftiano con tanto di creature tentacolari e riferimenti alla leggendaria Miskatonic University. Scritto e diretto da Gus Holwerda, il film promette di essere un interessante incrocio tra Lovecraft e i viaggi nel tempo. Dopo la prima mondiale avvenuta alla 45esima edizione del Boston Sci-Fi Film, Intersect sarà disponibile On-Demand dal 15 settembre 2020.

Un gruppo di giovani scienziati della Miskatonic University inventano una macchina del tempo. Sfortunatamente, scoprono di essere manipolati da forze misteriose e invisibili provenienti da un’altra dimensione…


 

The Color Out of Space

 

Premiato all’H.P. Lovecraft Film Festival 2019 come miglior lungometraggio e premio del pubblico, Color Out of Space è un adattamento diretto del celebre racconto “Il colore venuto dallo spazio” di Lovecraft del 1927, già portato sullo schermo almeno 4 volte in passato con risultati altalenanti (vedi l’articolo in 4 parti ‘Lovecraft e il cinema‘). Diretto dal regista sudafricano Richard Stanley, dopo una lunga assenza dal grande schermo, il film sembra aver conquistato pubblico e critica al festival negli USA. La presenza di Nicolas Cage nel cast, piuttosto attivo negli ultimi anni in pellicole di genere fantastico horror, non sembra particolarmente una garanzia di qualità viste le sue performance spesso melodrammatiche e sopra le righe. Comunque il fantomatico ‘colore venuto dallo spazio’ in questo caso infetterà una sventurata famiglia con ricadute nel body horror. (Leggi recensione)

Un meteorite cosmico si schianta nel cortile della famiglia Gardner che sognava un ritorno alla vita rurale. L’infezione aliena che ne consegue sembra contaminare qualsiasi cosa, compresi gli esseri umani destinati a subire imprevedibili e spaventose mutazioni…


 

Ascension

 

In concorso all’ H. P. Lovecraft Film Festival 2019, Ascension (2018) è un fanta-horror d’atmosfera diretto da Ross Wachsman, su una giovane eroina che deve combattere una sinistra forza aliena che ha preso il controllo dei corpi delle sorelle per i suoi malevoli scopi. Il film è stato prodotto dalla California Pictures, originariamente fondata nel 1944 da Howard Hughes e Preston Sturges. I due celebri produttori e registi unirono le loro forze per creare una società di produzione indipendente che favorisse l’ascesa di produzioni cinematografiche indipendenti sin dagli anni  ’40.

La giovane Angela, che ha sofferto di alcuni disturbi mentali, si sforza di mantenere l’armonia con la sua famiglia. Mentre si prende cura della sorellina Chloe e cerca di mantenere la pace con la problematica sorella maggiore Becca, inizia a notare che Becca ha un comportamento bizzarro e anormale. Angela crede sia posseduta da una entità ultraterrena e teme che la stessa forza oscura e terrificante che ha causato il suicidio di sua madre stia ora ispirando la sorella maggiore a fare qualcosa di indicibile…


 

Black Wake

 

Film ‘apparentemente’ lovecraftiano sembra essere questo Black Wake (2018) (ovvero ‘scia nera‘) diretto da Jeremiah Kipp. Dal trailer si capisce che la minaccia viene dal mare, tra malsane epidemie che portano alla follia e le canoniche mostruosità tentacolari. Canoniche anche per un film chiaramente low-budget, le riprese found footage. Secondo alcune recensioni all’estero Black Wake è un curioso mix tra uno zombi movie, Men In Black, e culti ancestrali. E’ presente nel cast qualche nome di rilievo come Tom Sizemore ed Eric Roberts.

Una serie di strani eventi come la scomparsa di persone, comportamenti irrazionali e morti inspiegabili, fanno mobilitare una squadra di specialisti che si riuniscono in una struttura top-secret per indagare. Si scopre che il filo conduttore tra i misteriosi eventi è l’acqua. Uno degli scienziati del team (Nana Gouvea) esamina le prove video e identifica una possibile spiegazione dei fatti in uno sconosciuto parassita marino. Ma quando un detective determinato (Tom Sizemore) le manda gli scritti apparentemente folli di un misterioso senzatetto (Jonny Beauchamp), capisce che la minaccia reale può essere più pericolosa e molto più antica di quanto si possa immaginare. Riuscirà a convincere i suoi colleghi (guidati da Eric Roberts) del vero pericolo prima che un’antica forza si erga dal mare per portare follia e morte su tutta l’umanità?


Apostolo

 

Da ottobre 2018 è disponibile su Netflix una sorprendente pellicola, Apostolo (Apostle) del regista gallese Gareth Evans (noto per i suoi innovativi action movie di arti marziali come The Raid e The Raid 2) che ci porta su una sperduta isola dove uno strano culto apparentemente cristiano venera una misteriosa dea che controlla la fertilità e il benessere di quel luogo remoto. Tocca al protagonista Thomas, interpretato  da Dan Stevens (Legion), cercare di introdursi nella setta di fanatici per salvare la sorella tenuta prigioniera. Gareth Evans ci stupisce passando con brillante disinvoltura dal cinema di arti marziali al folk horror, sulla scia di classici come The Wicker Man, con inconfondibili atmosfere e tematiche di sapore lovecraftiano, tra culti esoterici e strane entità che risiedono nel sottosuolo. Splendidamente girato con colori ‘sporchi’ dalle tonalità verdastre e scarno di dialoghi, Apostolo non è il solito horror frenetico pieno di spaventi telecomandati, ma un’opera che si prende i suoi tempi con perizia, mutando sotto i nostri occhi lentamente con la discesa agli ‘inferi’ del protagonista sempre più allucinato nel tentativo di scoprire la vera natura della setta. E non mancheranno alla fine sequenze violente e sanguinose dal sapore pulp girate nello stile innovativo del regista. In sintesi come fare un film lovecraftiano senza imitare Lovecraft.

1905. Dopo aver saputo che la sorella Jennifer è stata rapita da una setta religiosa, il duro e disincantato Thomas Richardson si reca in incognito sull’isola gallese di Erisden per cercare di liberarla. Giunto sul posto, si trova immerso in una comunità agreste di bigotti fanatici. Fra segreti e violenti riti ancestrali, Thomas dovrà anche scoprire la vera natura della misteriosa entità che sembra garantire la fecondità dell’isola… 


 

The Quantum Terror

 

Vi anticipiamo il teaser trailer di un promettente horror lovecraftiano, The Quantum Terror che unisce orrori ‘metafisici’ e mostruosità tentacolari, atteso per il 2019. Ispirato alle opere di Lewis Carroll, H.P. Lovecraft e David Lynch, in concomitanza con la passione per i classici film horror come Alien, La cosa e Il seme della follia, il regista esordiente Christopher Cooksey ha girato The Quantum Terror ad Austin, Texas per soli $ 15.000 e ora sta completando la produzione dopo quasi quattro anni di lavorazione. Finanziato attraverso Indiegogo, un investitore privato, e vendendo la sua auto, l’intero film è stato girato dentro e nei dintorni della sua casa. Una piccola schiera di artisti, come Heather Lowe e Jenna Green di FaceOff, hanno creato finti set, miniature e creature costruite per lo più con materiali e metodi ‘casalinghi’ appresi da amici del settore come quelli di studioADI e The Stan Winston School of Character Arts. La produzione è stata anche abbastanza fortunata da avere ulteriori effetti ‘tentacolari’ forniti dalla compagnia di effetti speciali ‘pratici’ premiata con l’Oscar Amalgamated Dynamics Inc. (Tremors, Alien3, Starship Troopers) e l’aiuto per gli effetti visivi della Make-Up Effects Group. (Matrix, Childhood’s End, Wolverine – L’immortale).

Dopo aver appreso che sua sorella gemella Sylvia è scomparsa, Samantha si dirige verso la piccola città universitaria dove è stata vista l’ultima volta. Una volta lì, incontra uno studente sociopatico di nome Jacob, che afferma di sapere come trovarla. Secondo lui, i due stavano lavorando insieme su una tesi basata su vecchi testi occulti ritenuti in grado di abbattere i confini tra la fisica quantistica e la magia. Tuttavia, questa conoscenza arcana portò Sylvia alla pazzia e la costrinse a nascondersi nei vicini tunnel sotterranei, un luogo che sosteneva essere la dimora di creature di un’altra dimensione. Ora, accompagnato da Jacob, dalla sua ex amante Lucy e da un giovane di nome Noah, Samantha si recherà in un regno sotterraneo di mostri e follia…


 

Herbert West Reanimator

 

Liberamente tratto dall’omonimo racconto di Lovecraft (che può essere considerato una versione più terrificante del mito di Frankenstein), Herbert West Reanimator (2017) è l’ultima fatica del regista Ivan Zuccon che si è già distinto per aver diretto i ‘lovecraftiani’ L’Altrove, La casa sfuggita e Colour from the Dark. Ma a differenza della celeberrima commedia splatter di Stuart Gordon del 1985, Herbert West Reanimator di Zuccon è molto più aderente alle atmosfere cupe e angoscianti di Lovecraft. Anzi il regista italiano rincara la dose rivisitando il racconto in maniera decisamente più drammatica, mettendo in scena un padre (il dr. Herbert West) che cerca disperatamente di riportare in vita la figlia perita in un tragico incidente. Naturalmente il prezzo da pagare per la miracolosa operazione sarà alto. Inoltre Zuccon (rifuggendo dal solito film di zombi), come nel sopracitato The Void, ci porta in un’ enigmatica dimensione aliena, una sorta di aldilà onirico e incomprensibile, reso visivamente in maniera molto suggestiva, dove il protagonista dovrà fare i conti con i propri tormenti. Nonostante si tratti di una produzione low-budget, inizialmente concepita come una web-serie di  7 puntate, il film si avvale di una sceneggiatura e di interpreti di prim’ordine, unitamente a una fotografia e ad effetti digitali di alto livello tecnico, sempre funzionali alla storia. Pur trattandosi di un’opera ritenuta non adatta alla distribuzione in sala, fortunatamente può essere vista sulla piattaforma web Amazon Prime.


 

Cold Skin

 

Diretto da Xavier Gens (Frontiers – Ai confini dell’inferno, The Divide, The Crucifixion), Cold Skin (2018) è un horror lovecraftiano su misteriose creature marine che assediano due uomini barricati in un faro situato su un’isola remota. Il film è l’adattamento cinematografico del romanzo “La pelle fredda” dell’autore catalano Albert Sánchez Piñol ma l’influenza del classico racconto “La maschera di Innsmouth”, scritto da Lovecraft nel 1931, è abbastanza evidente. L’uscita del film ufficiale è prevista per il 7 settembre 2018 nei cinema USA e per il video on demand.

Ai margini dell’Antartico, negli anni successivi alla prima guerra mondiale, una nave a vapore si avvicina a un’isola desolata, lontana da tutte le rotte di navigazione. A bordo c’è un giovanotto, con il compito di assumere il posto solitario di osservatore meteorologico, per vivere in solitudine per un anno ai confini del mondo. Ma sulla riva non trova traccia dell’uomo che è stato mandato a rimpiazzare, ma solo un naufrago stravolto che ha assistito a un orrore che rifiuta di nominare…


 

Black Mountain Side

 

Produzione indie canadese del 2014, Black Mountain Side di Nick Szostakiskwij  è una storia di isolamento, follia e omicidio dagli inconfondibili echi lovecraftiani, ambientata nella natura selvaggia del nord del Canada. Il film seppur fortemente debitore nei confronti di pellicole come La Cosa di Carpenter, preferisce basarsi su dialoghi, personaggi e mistero, lasciando in secondo piano gli aspetti visivi più mostruosi o raccapriccianti e costruendo una suspense tutta psicologica. Uscito in DVD/Blue-Ray nel 2016.

Un gruppo di archeologi trova una strana struttura che sembra avere migliaia di anni nell’estremo nord del Canada. Vengono riportati alla luce una serie di manufatti inuit e un colossale tempio sepolto nel ghiaccio. Ma la squadra rimane isolata quando le loro comunicazioni smettono di funzionare e la loro sanità mentale inizia a vacillare…


 

The Endless

 

Tra culti segreti ed entità aliene, sembra essere un film di ispirazione lovecraftiana anche il promettente The Endless (2018), diretto dagli acclamati cineasti Justin Moorhead e Aaron Benson (Spring) tornati alla regia con questo thriller soprannaturale che parla di due fratelli che si ritrovano intrappolati nella stessa setta da cui erano fuggiti da adolescenti, solo per scoprire che potrebbe esserci una terrificante verità nelle credenze ultraterrene del culto. Moorhead e Benson si sono occupati anche della sceneggiatura e figurano tra i protagonisti.

Due fratelli ricevono un messaggio misterioso che li spinge a fare visita a un culto religioso da cui erano fuggiti da ragazzi. Quando cominciano a verificarsi eventi e fenomeni inquietanti, i fratelli sono costretti a chiedersi se le credenze soprannaturali del culto potrebbero non essere interamente inventate – e se, ora che sono tornati, potranno lasciarlo di nuovo senza conseguenze…


 

The Barge People

 

Quando “La Maschera di Innsmouth” incontra “Le colline hanno gli occhi” possiamo avere come risultato il terrificante e violentissimo The Barge People (2018) diretto dal britannico Charlie Steeds (Escape from Cannibal Farm). Il film è ambientato nella suggestiva (ma anche inquietante) rete di canali navigabili che attraversano la campagna britannica. Riguardo l’originale ambientazione del film, ricordiamo, come curiosità, che Robert Aickman (1914-1981), uno dei maestri della narrativa fantastica-weird britannica, fondò la Inland Waterways Association allo scopo di preservare e studiare la fitta rete di canali che attraversano le campagne inglesi.

Ambientato sui canali della leggiadra campagna britannica, due sorelle e i loro fidanzati partono per un fine settimana di relax su una chiatta, ignari dei mutanti carnivori anfibi che si annidano nell’acqua, pronti e in attesa di nutrirsi…


 

The Black Gloves

 

Già vincitore di una Menzione Speciale al TOHorror Film Festival 2017The Black Gloves  (2017) di Lawrie Brewster si è assicurato la patente di pellicola ‘weird’ con la proiezione al H.P.Lovecraft Film Festival 2017. Film stilisticamente e tecnicamente raffinato, The Black Gloves ci fa incontrare la figura misteriosa e inquietante dell’Uomo Gufo che il regista scozzese aveva già presentato nel suo lavoro precedente Lord of tears (2013). Nel cast di questo thriller gotico dai risvolti onirici, segnaliamo l’attrice spagnola Macarena Gómez che abbiamo potuto apprezzare in passato nella parte della sacerdotessa ‘abissale’ in Dagon – La mutazione del male (2001).

Il dottor Finn Galloway è uno psicologo ossessionato dalla morte misteriosa di un suo giovane paziente e dalla sua convinzione nell’esistenza di un’entità strana e terrificante. Determinato a trovare delle risposte, Finn scopre un indizio importante quando viene a sapere che una ballerina una volta famosa, Elisa Grey, vive ora nella paura paralizzante di un’entità simile … il cosiddetto ‘Owlman’. Nella decadente Baldurrock House, lo psicologo trova la ballerina nascosta, sotto l’occhio vigile del suo sinistro guardiano. Là, nell’isolamento delle Highlands scozzesi, Finn deve combattere contro una forza di inimmaginabile malvagità, un nemico da incubo senza eguali…


 

Ayla

 

Proiettato al H.P.Lovecraft Film Festival 2017Ayla (2017) è un singolare fantasy orrifico che rivela la sua anima weird nel body-horror che mette in scena. Prodotto e diretto da Elias, il film vanta un cast di veterani del cinema indie horror contemporaneo: Nicholas Wilder (Gut), Tristan Risk (American Mary, Fetish Factory), Dee Wallace (The Howling), Bill Oberst Jr. (Circus of the Dead).

Un uomo ossessionato dalla misteriosa morte della sorella di 4 anni, la riporta in vita trent’anni dopo, ma con le sembianze di una donna adulta. Il folle gesto avrà conseguenze disastrose…


 

They Remain

 

Tra gli autori contemporanei di narrativa weird-horror maggiormente meritevoli di raccogliere l’eredità di H.P. Lovecraft, vi è sicuramente Laird Barron di cui ricordiamo il notevole romanzo “La Cerimonia”, originale rivisitazione della mitologia lovecraftiana. Da un suo racconto breve, “30“,  è tratto They Remain (2017), film criptico ed enigmatico, diretto da Philip Gelatt (lo sceneggiatore di Europa Report) che vede due scienziati inviati per indagare su strani eventi avvenuti su un terreno, un tempo occupato da un culto. I protagonisti di They Remain viaggiano in un regno oscuro dove natura, scienza e soprannaturale convivono in una terribile simbiosi. I protagonisti interpretati da William Harper Jackson e Rebecca Henderson sono due scienziati che indagano sulle cause dei cambiamenti ambientali e degli strani comportamenti animali osservati in un sito remoto in cui in passato una setta in stile ‘Famiglia Manson’ aveva commesso delle atrocità. Il luogo isolato, il disfacimento della loro relazione e la stessa biosfera iniziano a condurli lungo un sentiero di sventura in cui le forze primordiali minacciano di consumarli. Se siete fan dell’autore Laird Barron o del cinema horror cosmico, non perdete questa pellicola…


 

The Creature Below

 

Un altro horror genuinamente lovecraftiano è The Creature Below (2016) già presentato su questo sito. Nonostante il film  non sia tratto da un racconto specifico di Lovecraft e sia chiaramente una produzione low-budget, l’orribile mutazione della protagonista venuta a contatto con una misteriosa creatura degli abissi marini, ci fa toccare con mano il famigerato terrore dell’ignoto caro allo scrittore americano.

Una giovane scienziata, durante un’immersione nelle profondità marine per sperimentare un nuovo tipo di muta subacquea, scopre un’entità malvagia che la porterà in una sanguinosa discesa nelle fauci della follia. La donna, sotto l’influenza della misteriosa creatura, conoscerà anche le gioie della maternità…


 

7 Witches

 

Stregoneria e oscuri riti pagani vicini al culto della Madre Terra sono gli ingredienti del suggestivo film 7 Witches (2017) diretto da Brady Hall. Dopo The Witch e Autopsy, la stregoneria torna da protagonista nel cinema horror con una pellicola visivamente molto ricercata grazie anche alla splendida fotografia dalle tonalità plumbee.

Con l’avvicinarsi del loro grande giorno, due donne si preparano a festeggiare il loro matrimonio ‘alternativo’. Hanno al loro fianco le rispettive famiglie, hanno affittato un’isola per l’occasione, ma a loro insaputa il loro matrimonio cade nella medesima data in cui 100 anni fa fu lanciata una maledizione ad opera di una congrega di streghe vendicative. Inoltre i familiari di una delle due donne, i tetri Sklar, sembrano essere i depositari di antichi riti pagani…


 

Backwood Madness

 

Troll, Goblin e altre entità che abitano i recessi delle foreste scandinave e finniche sono i protagonisti di questo horror/fantasy finlandese, diretto dall’esordiente Ari Savonen. In Backwood Madness le mostruose e misteriose creature del folklore nordico entrano in conflitto con la razza umana dopo essere stati ‘disturbate’ dagli eventi bellici provocati dalla Seconda Guerra Mondiale.

La guerra tra gli uomini ha avuto delle ripercussioni anche sugli esseri che popolano la foresta. Ora che l’equilibrio è stato rotto per sempre, troll e goblin passeranno all’attacco accecati dalla vendetta…


 

The Antithesis

 

Vincitore del Premio Mario Bava al Fantafestival 2017The Antithesis (2017) è un giallo-horror italiano diretto dall’esordiente Francesco Mirabelli. Misteri astrologici e primordiali danno al film un tocco inconfondibilmente lovecraftiano. Per i nostalgici di un certo cinema horror italico, segnaliamo la colonna sonora di Claudio Simonetti dei mitici Goblin.

Una giovane geologa, incaricata da un architetto, si reca in una casa in cui si verificano fenomeni paranormali a causa di oscillazioni termiche estreme. Una volta sistemata in casa, la ricercatrice si ritroverà intrappolata in una spirale di orrore e delirio…